FORMLIFE intende potenziare la filiera lattiero-casearia irpina, aumentandone la competitività, attraverso l’introduzione, nelle imprese, di  alcune innovazioni di assoluta sostenibilità, come nuove tecniche di conservazione e lo sviluppo di nuovi prodotti.

Il formaggio è un alimento suscettibile di contaminazione da agenti patogeni, e possono comportare una riduzione della conservabilità del formaggio, nonché rischi per la salute dei consumatori.

Ciò implica il possibile utilizzo di conservanti nel processo di caseificazione.

Allo stesso tempo, i consumatori chiedono sempre più cibo sano, privo di conservanti sintetici.

Proprio per questo motivo gli ingredienti naturali stanno ricevendo sempre più attenzione come sostituti dei sintetici additivi.

Inoltre, la maggior parte degli ingredienti naturali ha mostrato proprietà antimicrobiche, che potrebbero ritardare o inibire la crescita di microrganismi patogeni negli alimenti, nonché ridurre al minimo l’incidenza di malattie di origine alimentare causate da batteri e funghi alteranti e/o tossici.

Gli obiettivi del progetto sono così sintetizzabili:

–  Aumentare la competitività del comparto lattiero caseario e valorizzare la biodiversità vegetale del territorio, con particolare riferimento all’impiego di piante officinali nel comparto lattiero-caseario, attraverso l’introduzione di nuove tecnologie ed innovazioni di prodotto e di processo;

– Potenziare la dinamicità della suddetta filiera caratterizzata da bassa innovazione;

– Migliorare la corrispondenza dei prodotti e dei processi agli standard qualitativi richiesti dal mercato;

– Messa a punto di iniziative tese allo sviluppo e alla sperimentazione di nuovi prodotti, processi e tecnologie tese alla riduzione dei costi di produzione e alla valorizzazione delle produzioni lattiero–casearie, con particolare riferimento all’utilizzo di nuove tecniche di conservazione e produzione di prodotti innovativi.